ALLUMINIO


 

L’alluminio è uno degli elementi più diffusi in natura. Terzo elemento più abbondante dopo l’ossigeno e il silicio; la bauxite – il principale minerale da cui si ricava – costituisce circa l’8% delle superficie terrestre; è di gran lunga il più giovane tra i metalli di uso industriale, essendo stato prodotto per la prima volta su larga scala industriale poco più di 100 anni fa.

 

COSTO DI PRODUZIONE

Produrre da zero l’alluminio, ha un costo energetico di 13 kWh/kg. La produzione di alluminio riciclato abbatte questo costo del 95%. Nel mondo si producono circa 31 milioni di tonnellate di alluminio all’anno, di queste 7 milioni di tonnellate vengono dal riciclo

 

RICICLABILITÀ

L’alluminio può essere riciclato al 100% e infinite volte senza perdere le sue caratteristiche originali che rimangono invariate all’infinito, anche a seguito di numerose fasi di riciclo, ovvero quando dall’essere alluminio primario il metallo acquista la definizione di “alluminio da riciclo” o “alluminio secondario”.

 

LEGGEREZZA

A parità di volume, l’alluminio pesa circa 1/3 del rame e dell’acciaio. Anche per questa ragione, buona parte dei mezzi di trasporto di moderna progettazione sono costruiti utilizzando alte percentuali di alluminio.

 

RESISTENZA ALLA CORROSIONE

L’alluminio si ossida immediatamente a contatto con l’aria creando una protezione superficiale che lo rende resistente all’acqua e ad alcune sostanze chimiche. Questa caratteristica lo rende il metallo più utilizzato dall’industria dei trasporti, dell’edilizia e delle costruzioni.

 

DUTTILITÀ E MALLEABILITÀ

L’alluminio è facilmente lavorabile e adatto a subire processi di lavorazione sia ad alte che a basse temperature.

 

CAPACITÀ RIFLETTENTE

Diffonde e riflette la luce riducendo la dispersione della luminosità dalla sorgente di luce e favorendo quindi il risparmio energetico.

 

AMAGNETISMO

Questa caratteristica ne permette l’utilizzo per la costruzione di apparecchi come radio, radar e stereo.